Descrizione del Corso
Elenco Corsi

Antropologia del Distratto

Docente: Umberto DI DONATO
Anno: 01 - Codice: 0103ADI

Descrizione

INDICAZIONI:
Distratto : colui che attende a cosa diversa da quella (o da quelle) a cui dovrebbe attendere. Quindi disattento, smemorato, avventato, irriflessivo.
Ma il Parco Zoologico contemporaneo cosa impone di fare? Impegnarsi e lavorare, sacrificarsi, avere, come si dice, i piedi per terra, partorire, allinearsi, abbonarsi, ecc...!
Il nostro distratto è colui che invece pur avendo il cellulare, la patente, un lavoro, pur avendo Stream e Tele+, pur affiliandosi (ma non più del necessario) attende anche ad altro. Spetta a Noi individuare questo Altro .

CONTROINDICAZIONI:
Non so proprio cosa dire - stasera mangerò uova strapazzate - non posseggo il filo del discorso.
Questo insegnamento è ancora stropicciato, ha la struttura bucata dell'emmenthal, aiutateci a riempire questi buchi.
- 2+2 fa 4 ma potrebbe anche fare 5 - - perchè i grilli cantano in maniera così forte ? -
Ecco, vedete, si insinuano pensieri divergenti, fuori dal conteso; ma sono pensieri vivaci, coriandoli virtuosi.
Il distratto doc deve essere quindi un professionista del carnevale della mente .
Bisogna scegliere tra la segatura ed il coriandolo.
A Voi la scelta, venite......!!!

CONTROCONTROINDICAZIONI:
Brevi variazioni all’antropologia classica.
  • La distrazione è una forma particolareggiata di apertura mentale e comportamentale. È la facoltà di pensare, esprimere e fare cose diverse nello stesso modo o la stessa cosa in modi diversi.
  • La distrazione permette la considerazione riflessiva di mondi alternativi, costituendo una realtà separata atta a mostrare che la prospettiva adottata nella vita normale è solo un modo di dar senso all’esperienza.
  • Funzioni della distrazione sono esercizio, pratica della realtà, sviluppo della creatività infantile.
  • La distrazione riesce quando c’è concordanza culturale tra forma e contenuto e perfetta realizzazione tecnica.
  • La distrazione è una pratica sociale ripetitiva consistente in sequenze di attività simboliche. Nel suo studio si presta attenzione non solo ai simboli ma anche all’esecuzione.
  • La distrazione comprende periodi di separazione, transizione e riaggregazione.
  • Premessa della distrazione è facciamo finta che. Premessa delle ortodossie crediamo che. Di conseguenza l’inquadramento delle seconde è di gran lunga più rigido della prima.
Materiale didattico
La Civiltà dei Sonnoliti
Primo Intervento
Secondo Intervento


N.B. - Da questa sezione non è possibile visualizzare il Materiale Didattico ed i Lavori degli studenti. Per poterlo fare bisogna essere iscritti all'Università